IL CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO APPROVA IL "PIANO CASA"

IL CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO APPROVA IL "PIANO CASA"

 Il Consiglio regionale del Veneto ha approvato il testo di legge "Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per l'utilizzo dell'edilizia sostenibile", meglio conosciuto come "piano casa". Il provvedimento, presentato dalla Giunta veneta il 10 marzo scorso e licenziato dalla commissione il 21 aprile, anticipa l'atteso decreto legge che il governo ha annunciato a fine marzo alle Regioni.

Il testo approvato prevede, anzitutto, la possibilità di ampliare le prime case del 20 per cento del volume esistente, compreso l'eventuale recupero dei sottotetti, con esclusione delle abitazioni ubicate nei centri storici o in aree di inedificabilità assoluta e di quelle oggetto di specifiche norme di tutela. Gli interventi di ampliamento delle prime case godranno di procedure semplificate (basterà presentare la Dia, dichiarazione di inizio attività) e di oneri di costruzione scontati del 60 per cento, o addirittura azzerati per le abitazioni di disabili o invalidi. La legge approvata prevede anche possibilità di ampliamento fino al 20 per cento della superficie per gli immobili non residenziali (capannoni, negozi, magazzini, insediamenti turistici), purché non situati nei centri storici, aree nelle quali non potrà valere nessuna delle deroghe previste dal 'piano casa'. Gli ampliamenti potranno avvenire in aderenza al corpo esistente o interessare eventuali pertinenze dell'immobile, fatte salve le norme vigenti in materia di distanze tra confinanti. Il piano casa della Regione Veneto premia inoltre operazioni di abbattimento e ricostruzione degli edifici costruiti prima del 1989, con aumenti di cubatura (per le case) e in superficie (per gli edifici non residenziali) fino al 30 per cento, purché tali interventi siano compatibili con la destinazione urbanistica dell'area e con le opere di urbanizzazione primaria esistenti. Ampliamenti e ricostruzioni non potranno modificare la destinazione d'uso degli edifici. La possibilità di ampliare edifici da abbattere e riqualificare sale al 40 per cento della superficie e del volume nel caso in cui vengano utilizzate tecniche di edilizia sostenibile e l'utilizzo di fonti ad energia rinnovabile. Un ulteriore premio del 10 per cento (che porterà quindi l'aumento di cubatura e superficie al 50 per cento) viene riconosciuto agli interventi di ricomposizione planivolumetrica dell'edificato che modificano sagoma e sedime originari.

Rispetto alla proposta iniziale presentata dalla Giunta, la legge approvata dal Consiglio assegna più voce in capitolo ai Comuni, sostituendo al principio del 'silenzio-assenso' quello del 'silenzio-diniego': le amministrazioni locali dovranno decidere entro il 30 ottobre se e con quali limiti applicare la nuova legge regionale in deroga agli strumenti urbanistici vigenti. In caso di mancato pronunciamento dei Consigli comunali, la Giunta regionale ha altri 15 giorni di tempo (quindi fino a metà novembre 2009) per nominare un commissario 'ad acta' con il compito di convocare il consiglio comunale e farlo deliberare sull'eventuale adozione delle nuove disposizioni del piano casa.

 Stampa  Email

"PIANO CASA": PROFESSIONISTI E ARTIGIANI A CONVEGNO SULLE MODALITA' DI APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE

"PIANO CASA": PROFESSIONISTI E ARTIGIANI A CONVEGNO SULLE MODALITA' DI APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE

Piano Casa Regione Veneto - Associazione Artigiani Confartigianato VicenzaE' stato approvato lo scorso mercoledì 1° Luglio dal Consiglio Regionale del Veneto il testo di Legge "Intervento regionale a sostegno del settore edilizio" (leggi il testo definitivo). Il  cosiddetto "piano casa" avrà una durata biennale, con l'obiettivo di dare un nuovo impulso al settore delle costruzioni attraverso una rivitalizzazione del patrimonio edilizio esistente, anche mediante l'utilizzo di fonti energetiche rinnovabili.

Per approfondire gli ambiti di applicazione del nuovo dispositivo regionale, in attesa che i Comuni decidano se e con quali limiti applicare la normativa, è organizzata una conferenza di presentazione per tecnici e addetti del settore per il prossimo

LUNEDI' 13 LUGLIO 2009, ORE 17.00
presso il CENTRO CONGRESSI DELL'ASSOCIAZIONE ARTIGIANI
Via E. Fermi n. 201 - Vicenza

Il programma dei lavori prevede un breve saluto da parte degli organizzatori e l'illustrazione della legge curata dal dott. Luigi Rizzolo, Responsabile dello Sportello Unico Regionale.

La conferenza, a partecipazione libera, è organizzata nell'ambito delle iniziative intraprese a seguito della convenzione fra Associazione Artigiani, Ordine degli Ingegneri, Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti, Conservatori e Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Vicenza.


Si prega di confermare la presenza telefonando allo 0444.392369/392305 o inviando una e-mail all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 Stampa  Email

/*facebook like*/
/* Google Plus */